Compilare il Referto

Guida alla compilazione del Rapporto di Gara

Il rapporto di gara rappresenta il documento che completa l’incarico arbitrale ed è di essenziale importanza in quanto costituisce ad ogni effetto l’elemento probatorio privilegiato dei fatti avvenuti prima, durante e dopo la gara. Esso deve contenere tutti gli elementi necessari affinché l’Organo Federale Giudicante possa, senza necessità di chiarimenti supplementari, adottare gli opportuni provvedimenti di sua competenza.

Il Giudice Sportivo giudica in base a quanto scritto nel rapporto di gara non avendo visto la partita; è importante fornire al Giudice un’esatta descrizione della gara diretta.

Di seguito sono presenti alcune motivazioni per eventuali ammonizioni, espulsioni, comportamenti dei dirigenti e del pubblico elencate in modo ordinato, sintetico e conciso. Resta sottointeso che le suddette motivazioni dovranno avere un valore puramente indicativo o di guida.

 Intestazione del Rapporto

  • Compilare l’intestazione in ogni sua parte ricordandosi di indicare anche il girone della gara diretta.
  • Nell’intestazione bisogna indicare l’orario previsto per l’inizio della gara e non l’orario effettivo di inizio.
  • Il risultato della gara va espresso in numero e poi, tra parentesi, anche in lettere.
  • Nello spazio “Reti segnate” è necessario scrivere il minuto o i minuti delle segnature e di seguito il nome della Società; è bene indicare con una (R) le reti segnate su calcio di rigore; non è necessario annotare il calciatore che ha segnato la rete.
  • Nello spazio “Ora di inizio” va indicata l’ora effettiva di inizio della gara; in caso di ritardo superiore ai 4/5 minuti, dovrà essere indicato il motivo alla voce “Varie”.
  • Nello spazio “Recupero” vanno indicati i minuti di recupero effettuati e le relative motivazioni; alcune motivazioni possibili sono: “Sostituzioni”, “Infortuni”, “Perdite di tempo” (solo se c’è stato qualche ammonito per tale motivo), meglio evitare “Recupero palloni” o “Proteste”.
  • Nello spazio “Ora della fine” va indicato l’orario della fine della gara: l’orario deve risultare dal conto matematico ottenuto dalla somma dell’orario effettivo di inizio della gara più i due tempi di gioco, i minuti di intervallo dichiarati e il recupero effettuato.

Variazioni nelle formazioni delle squadre

  • Dovranno essere indicati minuto e tempo della sostituzione nonché il giocatore uscente e quello subentrante.
  • È importante, accanto al numero, scrivere per intero il cognome e il nome dei giocatori.

Misure d’ordine prese dalla Società

  • In assenza di personale di pubblica sicurezza, scrivere “Non era presente la forza pubblica. Servizio d’ordine svolto dalla società ospitante”
  • In caso di presenza di pubblica sicurezza, scrivere “Erano presenti (numero) funzionari della forza pubblica”.

Comportamento dei dirigenti

  • Se non c’è stato nessun provvedimento nei confronti dei dirigenti andrà scritto “Nella norma”
  • In caso contrario usare espressioni quali:
    • Al 30’ del 2°t, allontanavo il Massaggiatore, sig. Cognome Nome della Società XXX perché, dopo un mio intervento si portava sulla linea laterale (o “entrava in campo di circa 2 metri” a seconda del caso) e, allargando le braccia, esclamava a voce alta “Arbitro sei uno scemo!”.
    • Al 30’ del 2°t, allontanavo l’Assistente di parte, sig. Cognome Nome della Società XXX perché entrava a gioco fermo nel terreno di gioco per circa tre metri, gettava la bandierina a terra e diceva: “Ma guarda che deficiente di un arbitro abbiamo oggi!”. Veniva sostituito dal sig. Cognome Nome.
    • Al 30’ del 2°t, allontanavo l’Allenatore, sig. Cognome Nome della Società XXX perché si rivolgeva nei miei confronti dicendo: “Sei un incompetente, vai ad arbitrare i pulcini, vergognati!”.
    • Al termine della gara, mentre rientravo negli spogliatoi, il Dirigente Accompagnatore, sig. Cognome Nome della Società XXX mi si avvicinava con fare minaccioso, mi stringeva la mano in segno di scherno e mi diceva: “Vergognati!”.

Ricordarsi di riportare le parole esatte; riportare anche gli eventuali insulti ricevuti; scrivere anche la reazione dell’allontanato (“dopo l’allontanamento il sig. ritardava la sua uscita dal terreno di gioco con lo scopo di perdere tempo”, “dopo l’allontanamento il sig. mi insultava ancora dicendomi …”, “dopo l’allontanamento mi batteva le mani in segno di scherno” oppure “solo dopo l’intervento del capitano il sig. si dirigeva verso gli spogliatoi”).
Ricordarsi di scrivere se a fine gara l’allontanato reiterava gli insulti e le proteste. Ricordarsi di segnalare eventuali bestemmie proferite.

Comportamento del pubblico, eventuali incidenti

  • Nel caso non si sia verificato nulla di degno di nota, scrivere “Nulla da segnalare, nessun incidente” o “Nella norma”
  • In caso contrario usare espressioni quali:
    • Durante gli ultimi 10 minuti della gara, alcuni sostenitori della Società XXX (scrivere un numero approssimativo ad es. “circa una ventina”) mi urlavano “Arbitro, sei un cretino, vergognati, ti aspettiamo fuori, non ne fai una di giusta”.

Ricordarsi di segnalare sempre la Società di appartenenza della tifoseria.
Ricordarsi di segnalare da quando e per quanto si sono reiterati gli insulti.
Ricordarsi di segnalare qualora il pubblico mantenesse un linguaggio blasfemo.
In caso di sputi segnalare se sono andati a buon fine (“il pubblico mi sputava una volta colpendomi alla schiena”) oppure no (“senza colpirmi”).
In caso di lancio di oggetti specificare la natura degli stessi, la loro destinazione, l’eventuale destinazione del bersaglio e le conseguenze (per descrivere l’oggetto usare paragoni con cose di facile raffronto ad es. “venivano lanciai sassi della grandezza di una noce”).

Giocatori espulsi

È bene raggruppare gli espulsi (come anche gli ammoniti) in ordine cronologico di provvedimento, scrivendo per ognuno di essi: “Al minuto …. del 1°/2° tempo il N° ….. della squadra …., pochè…” aggiungendo una delle seguenti motivazioni:

  • Perché sputava ad un avversario colpendolo (non colpendolo) all’altezza del… [indicare la parte del corpo].
  • Perché fermava con le mani un tiro diretto in porta, sostituendosi al portiere, privando gli avversari di una rete.
  • Perché, in qualità di portiere uscito dall’area di rigore, e agendo come ultimo difendente, interrompeva con la mano una chiara azione da rete avversaria.
  • Perché, in qualità di portiere, fuori dall’area di rigore e agendo come ultimo difendente, sgambettava (tratteneva dalla maglia, braccio) un avversario, privandolo della evidente possibilità di segnare una rete.
  • Perché, in qualità di portiere, in area di rigore e agendo come ultimo difendente, fermava in modo non genuino (tratteneva dalla maglia, braccio) un avversario, privandolo della evidente possibilità di segnare una rete.
  • Perché da difendente, sgambettava fuori dall’area di rigore o fermava in modo non genuino in area di rigore (tratteneva dalla maglia, braccio, ecc.) un avversario, privandolo della evidente possibilità di segnare una rete.
  • Perché da ultimo difendente fermava con le mani un’azione di giuoco, privando gli avversari di una evidente possibilità di segnare una rete.
  • Perché colpiva (o tentava di colpire) intenzionalmente con un calcio (un pugno, uno schiaffo, una testata, uno sputo, ecc.) un avversario.
  • Per contegno provocatorio [specificare] verso i giocatori avversari oppure verso l’assistente dell’arbitro o il pubblico [indicare se quello locale] o verso i sostenitori della squadra avversaria.
  • Per ingiurie o gesti osceni [descriverli esattamente] verso il pubblico locale, oppure verso gli assistenti dell’arbitro.
  • Per atteggiamento particolarmente irriguardoso verso l’arbitro o gli assistenti dell’arbitro [descrivere questo atteggiamento, riportando esattamente le frasi e/o i gesti del giocatore].
  • Per essersi allontanato dal campo per proteste contro il mio operato.
  • Perché reagiva ad una scorrettezza avversaria [descrivere quale] con un calcio (uno schiaffo, un pugno, una vistosa spinta, ecc.).
  • Perché, già ammonito, persisteva nel praticare un gioco falloso (o pericoloso o scorretto oppure disapprovava il mio operato). [Ricordarsi che il nome del giocatore deve comparire anche nella lista delle ammonizioni].
  • Per avermi preso per la maglia (per le braccia ecc.) oppure sballottato durante una protesta isolata o collettiva [in questo caso ricordarsi di scrivere brevemente i motivi che hanno causato la protesta].
  • Per essere venuti a reciproche vie di fatto (il primo per aver colpito con un pugno l’avversario, il secondo per aver reagito con un calcio).
  • Per aver lanciato un qualsiasi oggetto contro l’arbitro, l’assistente dell’arbitro, gli avversari, i compagni, le persone ammesse nel terreno per destinazione e qualunque altra persona.

Nei casi di espulsione, ricordarsi di specificare se:

  • l’atto si è verificato a giuoco fermo o a giuoco in svolgimento con il pallone a distanza di giuoco o non a distanza di giuoco;
  • l’atto è stato commesso nella convinzione che potesse passare inosservato perché il calciatore riteneva che l’attenzione dell’arbitro fosse rivolta altrove;
  • il punito ha prontamente ottemperato alla decisione oppure ha opposto resistenza ed è stato necessario l’intervento del capitano o dei dirigenti;
  • il calciatore colpito ha proseguito il giuoco oppure ha dovuto lasciare la gara. Nel secondo caso, se è stato sostituito oppure non è stato sostituito poiché la squadra danneggiata dall’episodio aveva esaurito le sostituzioni e quindi ha dovuto proseguire la gara in inferiorità numerica.

In particolare in caso di espulsione per:

  • SPINTA ALL’ARBITRO: indicare se avvenuta con una o entrambe le mani; se leggera, forte o violenta; se vi ha fatto spostare (e di quanti metri) o cadere.
  • SCHIAFFO, PUGNO O CALCIO ALL’ARBITRO: leggero o forte; parte colpita (o al viso o al corpo); se vi sono stati danni fisici.
  • LANCIO DEL PALLONE O FANGO O ALTRI OGGETTI VERSO L’ARBITRO: se con le mani e/o con i piedi; da quale distanza; se vi ha o no colpito.
  • SPUTO ALL’ARBITRO: da quale distanza è partito; se vi ha colpito e dove vi ha colpito.

Giocatori ammoniti

È bene raggruppare gli ammoniti (come anche gli espulsi) in ordine cronologico di provvedimento, scrivendo per ognuno di essi: “Al minuto …. del 1°/2° tempo il N° ….. della squadra …., poichè…” aggiungendo una delle seguenti motivazioni:

  • Perché tratteneva un avversario
  • Perché sgambettava un avversario in fase di gioco
  • Perché protestava a seguito di una mia decisione
  • Perché giocava il pallone con la mano
  • Perché simulava di aver subito un fallo
  • Perché ritardava la ripresa del gioco
  • Perché allontanava il pallone dopo il mio fischio
  • Perché non rispettava la distanza in barriera
  • Perché si toglieva la maglia dopo la segnatura della rete
  • Perché rientrava sul terreno di gioco senza il mio consenso

Varie

  • Nel caso non si sia verificato nulla di degno di nota, scrivere “Nulla da segnalare”
  • In caso di inizio in ritardo “La gara iniziava con 10 minuti di ritardo poiché la Società XXX mi portava le distinte in ritardo” oppure “non si presentava puntuale per l’appello”.
  • In caso di minuto di raccoglimento (se autorizzato): “La gara iniziava con un minuto di ritardo in quanto veniva effettuato un minuto di raccoglimento autorizzato dal Comitato”.
  • In caso di attesa per nebbia: “La gara iniziava con 35 minuti di ritardo in quanto all’orario stabilito, il campo era impraticabile a causa della nebbia”.
  • In caso di campo occupato da un’altra gara: “La gara iniziava con 20 minuti di ritardo per permettere la conclusione della gara precedente”.
  • In caso di insulti ricevuti negli spogliatoi: “All’interno degli spogliatoi, il giocatore Cognome Nome n° # della Società XXX mi insultava dicendo: …!”.
  • In caso di acqua fredda: “L’acqua della mia doccia era fredda”. Indicare se solo quella dell’arbitro o anche quella delle squadre.

Assistenti

Scrivere il cognome e il nome dell’assistenze e tra parentesi le Società di appartenenza.

Casistica varia

  • In caso di mancato arrivo di una squadra: nel riquadro iniziale riportare “Non iniziata per il mancato arrivo della Società XXX”; alla voce “Varie” scrivere: “La gara non ha avuto inizio poiché, trascorso il tempo d’attesa, constatavo il mancato arrivo della Società XXX”
  • In caso di terreno di gioco impraticabile: nel riquadro iniziale riportare “Non iniziata per terreno di gioco allagato”; alla voce “Varie” scrivere: “All’orario previsto per la gara, constatavo, insieme ai capitani, che il terreno era in gran parte allagato e impediva il regolare svolgimento della gara”. Tutto questo dopo la verifica della presenza delle due squadre e l’identificazione dei calciatori.
  • L’arbitro può procedere all’accertamento delle condizioni del terreno di gioco prima dell’ora fissata per l’inizio della gara ove siano presenti i capitani delle squadre. Qualora l’impraticabilità del terreno di gioco fosse dall’arbitro ritenuta irrimediabile entro l’ora fissata per l’inizio della gara, l’arbitro può prescindere dalla sua presenza e dall’identificazione dei calciatori delle due squadre.
  • In caso di sospensione definitiva della gara: nel riquadro iniziale riportare “sospesa al 15 del 2°t per fitta nebbia”; alla voce “Varie” scrivere: “Al 15’ del 2°t, constatavo assieme ai capitani che la fitta nebbia scesa sulla zona impediva di vedere da porta a porta; dopo 10 minuti di attesa senza che la situazione migliorasse, decidevo di sospendere definitivamente la gara”.
  • In caso di sospensione temporanea della gara: non scrivere nulla nel riquadro iniziale, mentre alla voce “Varie” scrivere: Al 15’ del 2°t, sospendevo la gara minuti a causa di un improvviso temporale. Poiché la situazione migliorava, dopo 20 minuti decidevo di riprendere la gara”.
  • In caso di sospensione definitiva per mancanza del numero minimo di calciatori: nel riquadro iniziale riportare “sospesa al 15’ del 2°t perché la Società XXX rimaneva con soli 6 (sei) calciatori”; alla voce “Varie” scrivere: “La Società XXX iniziava la gara con 7 giocatori e, a seguito di una espulsione rimaneva in 6”.

Note generali

  • Compilare il Rapporto di gara in ogni sua parte e con accuratezza
  • Firmare sia il Rapporto sia le distinte dei calciatori; in caso di Rapporto di più pagine, firmare ogni foglio in originale
  • Riportare esattamente il numero di reperibilità
  • Compilare il Rapporto con grafia leggibile oppure al PC
  • Rileggere attentamente il Rapporto prima di spedirlo

N.B.

Si ricorda che i referti vanno caricati sul portale provinciale o regionale a seconda della gara. In casi eccezionali l’indirizzo mail per:

Inviare sempre il referto in copia conoscenza alla mail apposita sezionale archivio.sezione.ssg@gmail.com

Per scaricare il file contenente la guida alla compilazione del rapporto di gara, clicca qui.